Dal Corriere.it - Conveniente, indipendente, educativo 10 motivi per fare vacanza in camper

Dal Corriere.it - Conveniente, indipendente, educativo 10 motivi per fare vacanza in camper

Data: 2017-07-06

Ecco perché gli italiani (e gli stranieri) scelgono le vacanze in libertà nel nostro Paese

Quasi 8 milioni di turisti in camper

Ogni anno sono quasi otto milioni i turisti italiani e stranieri che visitano la nostra Penisola a bordo di camper e caravan, generando un fatturato di 2,8 miliardi di euro (1,45 miliardi dal turismo domestico e 1,35 miliardi dal turismo estero) annuo. Sono i dati della ricerca CISET – Centro Internazionale di Studi sull'Economia Turistica dell'Università Ca' Foscari contenuti nell'ultimo Rapporto Nazionale sul Turismo in Libertà in Camper e Caravan dell'APC-Associazione Produttori Caravan e Camper.

Una tendenza confermata anche dal grande interesse riscontrato dal Salone del Camper, che tornerà alla Fiera di Parma dal 9 al 17 settembre 2017 e in cui i visitatori (127mila l'anno scorso) potranno ammirare le ultime novità del settore. Ma quali sono i motivi che convincono i turisti a scegliere questa modalità di vacanza? La risposta è nell'Osservatorio APC-Associazione Produttori Caravan e Camper sul turismo in libertà.


Convenienza:

In pochi sono disposti a rinunciare alle vacanze, ma la crisi ha ridotto di molto le disponibilità economiche dei turisti. Ecco perché spesso si sceglie il camper. Questa forma di vacanza permette «di ridurre i costi del soggiorno data la maggiore convenienza dei pernottamenti nei campeggi rispetto agli hotel, nonché alla possibilità di pernottare in aree di sosta ancora più economiche».

Un'opzione particolarmente apprezzata dunque da famiglie numerose, ma anche da gruppi di amici, che possono sfruttare veicoli mansardati (che ospitano fino a sette persone) per contenere i costi.


Adattabilità:

Van o furgonati attrezzati sono invece molto adatti per i viaggiatori più avventurosi che amano spostarsi continuamente da un luogo all'altro, magari all'ultimo minuto.

In questo caso, «si tratta di veicoli più compatti, che hanno una minor vivibilità ma sono comunque apprezzati da coloro a cui piace visitare più destinazioni, perché sono molto maneggevoli».


A misura di famiglia:

Economica, versatile, ma anche «family friendly»: questo genere di vacanza «permette di consolidare il rapporto tra genitori e figli, favorisce il dialogo interfamiliare, giovando anche al rapporto tra i coniugi».

Le famiglie, in genere, preferiscono i motorhome, mezzi «dove la cellula abitativa è corpo unico con la motrice permettendo a tutti gli occupanti di stare sempre a contatto fra di loro. La parte destinata a ospitare il guidatore durante la marcia diventa quindi parte integrante dell'ambiente vivibile durante le soste».


Versatilità:

Una vacanza in camper, poi, è estremamente versatile: è adatta a brevi escursioni, ma anche a vacanze e ponti lunghi.

«Generalmente coppie senza figli “on the road” prediligono il camper semintegrale (anche detto profilato) dove la cellula abitativa viene allestita su un autotelaio cabinato che, al posto della mansarda, è raccordato aerodinamicamente alla volumetria della cabina di guida mediante un cupolino preformato nel quale, generalmente, vengono collocati pensili bassi e, a volte, un vano porta-televisore».


Creatività:

Con una vacanza in camper, poi, non ci si annoia mai: le possibilità sono talmente tante che «ogni giorno risulterà una piccola avventura, rendendo tutto più divertente e dinamico. In genere, i veicoli sopra i sei metri sono dotati di spazi maggiori e permettono di portare tutto con sé dando libero sfogo alla creatività e libertà di ciascun viaggiatore».


Praticità:

«Il camper offre la possibilità di realizzare viaggi che, se effettuati con altri mezzi, richiederebbero una maggiore preparazione, un maggior costo «vivo» (i pernottamenti), un maggior lavoro (trasportare, fare e disfare le valigie), un maggior disagio (soprattutto nel caso di viaggi lunghi, durante i quali si apprezzano in modo particolare le dotazioni di bordo che rendono il veicolo autosufficiente, come la toilette, la cucina, la possibilità di riposare)».


Socialità:

Una vacanza in libertà facilita gli incontri e permette ai turisti di non isolarsi, stimolando le nuove conoscenze. «È ancora il motorhome la scelta consigliata per chi predilige il campeggio stanziale dove instaurare rapporti e amicizie con i vicini di piazzola».


A contatto con la natura:

Avere un camper significa poi poter sostare in luoghi inusuali, spesso a contatto con la natura, senza però rinunciare ai comfort di base.

«Tra tutti, il camper van risponde meglio a questa esigenza poiché è dotato di comfort minori rispetto agli altri veicoli e permette così di vivere maggiormente l’outdoor».


Educazione:

La vacanza in viaggio è anche un modo per responsabilizzare i figli ed educarli alla condivisione. «Sul camper a tutti viene affidato un compito. Questo lo rende uno strumento ideale per la formazione dei più piccoli»


Comodità:

Il camper, poi, permette di trasportare praticamente tutto ciò che occorre per la vacanza senza troppi problemi: come biciclette, ma anche tavole da surf o equipaggiamenti fotografici e molto altro ancora.

«Per i viaggiatori che hanno la necessità di portare con sé attrezzature voluminose, l’ideale sono veicoli ricreazionali, motorhome, mansardati o semintegrali, dotati di appositi garage nella parte posteriore».