News

VIDEO PRESENTAZIONE - RAPIDO 8066 DF “PREMIUM EDITION” -  MODELLO 2019
01 Jul / 2019

VIDEO PRESENTAZIONE - RAPIDO 8066 DF “PREMIUM EDITION” - MODELLO 2019

➡️ #camper < RAPIDO 8066 DF “Premium Edition” >

➡️ Veicolo elegante, lussuoso e di alta qualità; ideale per la coppia o la famiglia fino a 4 persone


CLICCA QUI per tutti i dettagli


▪️ Meccanica: Fiat Ducato 2.3 Mtj - 150 Cv / Cambio Automatico

▪️ Categoria peso: (kg): 3500 e lunghezza 7,49 mt.
▪️ Posti letto: 4 / Posti viaggio: 4
▪️ Spaziosa Dinette Face to Face con ampio tavolo a libro, in grado di ospitare comodamente fino a 6 persone
▪️ Confortevole letto matrimoniale basculante manuale
▪️ Cucina a L con piano di cottura a 3 fuochi, portaspezie e porta scottex, ampi pensili di stivaggio e Frigo 149 Litri
▪️ Ampio Bagno con Doccia separata
▪️ Letti Gemelli in coda con possibilità di unione in unico letto king Size
▪️ Spazioso Garage di ottime dimensioni, capace di ospitare biciclette e scooter
▪️ Accessori già presenti (retrocamera, autoradio doppio din, duocontrol cs, tappezzeria in ecopelle “Premium Edition”)


➡️ Consulta la scheda


Ti aspettiamo nel più grande showroom di camper e caravan dell'Emilia Romagna

I camper più lunghi sono veramente più difficili da guidare?
11 Mar / 2019

I camper più lunghi sono veramente più difficili da guidare?

E' indubbio che più un camper è voluminoso e lungo, più è difficile da guidare.

Occorre infatti avere più attenzione agli ingombri, ma alla fine forse l'ansia che accompagna i possessori di camper voluminosi non è sempre giustificata dalle dimensioni del mezzo.

Questa sensazione di stress che accompagna diversi camperisti durante i loro viaggi (esclusi gli autotrasportatori) sta diventando un problema che chiamiamo “sentire il peso del mezzo” e che corrisponde a quel senso di fatica che proviamo durante, ma soprattutto a fine viaggio, quando siamo stanchi dopo aver guidato molte ore.

 

E' chiaro che praticamente tutti i camperisti in realtà sono abituati ad usare un'auto durante la giornata: anche a parità di ore guidate il senso di stanchezza nell'uso dell'auto è inferiore a quello del camper e questo ci porta a pensare che sia colpa delle dimensioni del mezzo.

La verità potrebbe invece essere un'altra.

Può essere infatti che in realtà molto di questo stress derivi dal fatto che, a livello inconscio, il nostro cervello si aspetti di percorrere le distanza che ci separa dalla nostra vacanza alla stessa velocità con cui andremmo in auto e ci porta a dare il massimo alla guida del camper per tenere una velocità più simile a quella che teniamo normalmente in auto, dove chiaramente siamo più rilassati a parità di velocità.

 

Il peso del mezzo aumenta soprattutto quando ci sentiamo “meno sicuri”, cioè quando viaggiamo più velocemente del nostro “livello di sopportabilità del rischio abituale”.

In pratica, è quando vogliamo viaggiare ad una velocità maggiore rispetto a quella a cui dovremmo viaggiare, in base alle nostre caratteristiche personali che variano da persona a persona in base a vista, prontezza di riflessi, risposta del camper durante i sorpassi e frenate, stress accumulato prima della partenza, ecc.

Questo lo notiamo soprattutto quando andiamo veloce per arrivare prima a destinazione, quando vogliamo sorpassare a tutti i costi il mezzo che va troppo piano da troppo tempo e non ci riusciamo, quando vogliamo attraversare in fretta un determinato tratto di strada prima che cominci il traffico o che si faccia la coda, quando guidiamo la notte, ecc.

In tutti questi momenti diventiamo più suscettibili e il nostro livello di sopportazione si abbassa nei confronti di tutti quelli che abbiamo intorno.

 

La gomma di scorta: mica vero che con i nuovi camper non serve!
08 May / 2019

La gomma di scorta: mica vero che con i nuovi camper non serve!

Caso classico di quando si compra un camper e si fanno le valutazioni sugli optional da installare.
Sui nuovi modelli di camper ducato non è prevista la ruota di scorta che viene sostituita dal sistema Fix&Go che la ripara momentaneamente e che in teoria consente per un numero limitato di km di arrivare al primo gommista e farsi riparare la gomma.

Tutti ci sentiamo sufficientemente rassicurati dalla cosa e andiamo oltre...ma sarà vero?
In teoria sì, ma in pratica è un falso clamoroso che provoca danni incredibili: un banale foro riparabile con pochi euro in realtà si è trasformato in una spesa di 440 euro.

E questo perché?
Questo accade perché quando la gomma si fora non viene segnalata la perdita di pressione dalla motrice in quanto le case costruttrici, nella stragrande maggioranza dei casi, non fanno inserire l'opzione di controllo pressione delle gomme nei modelli destinati ai camper per tenere il prezzo finale dei mezzi più basso.
In realtà nel 100% dei casi, questo provoca il fatto di dover buttare via la gomma e spesso anche altri danni, in quanto vi accorgerete che la gomma è bucata quando il camper comincia a vibrare perché la ruota è ormai a terra ma a questo punto avrete già consumato irreparabilmente la “spalla della gomma”.
Nei casi più gravi in cui la gomma arriva a lacerarsi perché non trovate subito un punto sicuro in cui fermarvi, potrete provocare gravi danni anche al cerchione (da 70 a 150 euro a seconda che sia un cerchio normale o in lega) e al passaruota o al parafango che spesso è in plastica.
E questo si verifica spesso durante giorni festivi o a cavallo di ponti o in orari in cui i gommisti sono chiusi, perché chi usa il camper generalmente tende ad utilizzare periodi come il weekend, i ponti, i periodi di ferie (che spesso coincidono anche con quelli di altri come ad esempio i gommisti) e quindi non è nemmeno detto che si riesca ad avere una gomma subito disponibile.

Succede infatti che oggi i gommisti facciano poco magazzino e che riescano, grazie ad una rete efficiente di consegne, ad avere la gomma che vi serve nel giro di un solo giorno, ma questo ovviamente vi obbliga a rimanere fermi nel parcheggio del gommista fino a quando questa non arriverà e la riparazione sarà effettuata e vi scombinerà la vacanza o il weekend.
Inoltre, quando la gomma è da buttare come nel caso in questione, nonostante appena resomi conto del danno ho trovato subito un posto in cui fermarmi, questo non è bastato a salvare la gomma e quindi dovrete acquistare due pneumatici perché le gomme devono avere la stessa usura sullo stesso asse altrimenti avrete ulteriori gravi rischi di stabilità.
Il danno diventa quindi di 440 euro (ed è andata anche bene che non si è danneggiato il cerchione o il passaruota)...almeno però adesso ho uno pneumatico di scorta.
Altro ostacolo è il cric che viene dato in dotazione: è il cric detto “a pantografo” che con il camper carico può non essere in grado di reggere il peso del mezzo e il rischio è quello che ceda all'improvviso, provocando come minimo la rottura del cerchio se non peggiori danni come il mozzo e il semiasse o alla coda del camper.

[ CAMPER vs FURGONATO ]
06 Nov / 2018

[ CAMPER vs FURGONATO ]


Ho notato che molti camperisti non si spiegano come sia possibile comprarsi un furgonato e come sia possibile fare delle vacanze in quel poco spazio a disposizione.
Spieghiamo una volta per tutte le differenze tra CAMPER e FURGONATI, partendo dalle strutture che chiaramente sono molto diverse.

Nel furgonato abbiamo la scocca interamente di metallo, minori ingombri del mezzo in generale, migliore aerodinamicità, maggiore maneggevolezza e facilità di guida, più possibilità di parcheggio, maggiore velocità media e tempi di percorrenza più brevi.
Chiaramente tutto questo è da controbilanciare con una minore vivibilità dello spazio della cellula soprattutto per le famiglie, l'assenza di spazi ben definiti ed in generale è richiesto un certo spirito di adattamento.

Nel camper invece abbiamo molto più spazio: spesso nei nuovi modelli anche ambienti separati, più capacità di carico, uno spazio vitale adatto anche a famiglie numerose, una migliore coibentazione, una migliore gestione di vacanze più lunghe ed in generale un ambiente più confortevole.
Nei modelli più grandi queste caratteristiche sono ancora più evidenti a discapito della velocità di viaggio, dei consumi, della possibilità di parcheggio, ecc.

Chi oggi sceglie un camper è di solito la coppia che ama viaggiare comoda, che non vuole scendere a troppi compromessi, che usa il camper prevalentemente anche per le ferie estive o invernali, ma che non vuole scendere al di sotto di un certo livello di comodità, perché il camper non rappresenta un mezzo per arrivare ad uno scopo, ma è legato direttamente al concetto di vacanza.
Il camperista è spesso colpito da una sindrome che mi invento in questo momento e che chiameremo “la sindrome della tartaruga” cioè quella necessità di portarsi dietro la casa e parte del garage.

Chi sceglie invece di solito un furgonato?
Solitamente non è un mezzo molto richiesto dalle famiglie, ma spesso da coppie definite “dinamiche”.
Cos'è una coppia dinamica?
È una coppia che solitamente si muove spesso e con uno scopo (sport, mostre in città d'arte, mercatini, weekend "mordi e fuggi" sugli sci, ecc), che vuole arrivare presto alla meta perché forse ha poco tempo e lo vuole spremere fino all'ultimo minuto.
Parliamo quindi di coppie di sciatori che vogliono godersi ogni giorno possibile in montagna, surfisti che corrono alla ricerca dell'onda perfetta o del vento giusto, motociclisti che rimangono nel circuito la notte tra le prove e la gara, visitatori incalliti di centri storici o borghi e mostre

 

Risultati 1-6 di 66 (11 Pagine)